Musicoterapia

2

Molti studi hanno dimostrato il duplice effetto psicoterapico della musica sia nell’ambito fisiologico che psichico. La musica evoca sensazioni, stati d’animo, può far scattare meccanismi inconsci e aiuta a rafforzare l’ io. Può aiutare a sbloccare repressioni e resistenze permettendo agli impulsi ed ai complessi che producono conflitti e disturbi neuro-psichici di affiorare a livello di coscienza.

La musica e il suono in generale divengono un  mezzo di comunicazione anche là dove le parole divengono inaccessibili.  Essi permettono infatti di comunicare attraverso un codice alternativo rispetto a quello  verbale.

La Musicoterapia più che occuparsi di musica o suoni in senso estetico si occupa di relazione.

Spesso questo tipo di approccio terapeutico viene, in modo riduttivo, considerato come un intervento teso a favorire semplicemente delle esperienze musicali rilassanti.

In realtà la musicoterapia fonda il proprio intervento sulla creazione di un vincolo terapeutico empatico-relazionale che è teso al miglioramento della comunicazione interpersonale e dell’espressione di sé ed ha come macro obbiettivo il miglioramento globale della qualità di vita della persona.

La Musicoterapia potrebbe essere definita come una terapia della relazione e della libera espressione, efficace nella riabilitazione e nel reinserimento sociale delle persone con disagio. Allo stesso tempo può favorire mutamenti sociali, culturali ed educativi nell’ecosistema e attuare la prevenzione primaria per la salute e lo sviluppo della comunità.

Il modo in cui oggi ci si rapporta al concetto di cura è molto lontano da una visione olistica dell’uomo, ma è basato fondamentalmente sulla cura dei sintomi: ogni disciplina medica cura un particolare sintomo o una specifica parte del corpo, non considerando l’uomo come un tutt’uno con il proprio corpo e la propria psiche. L’approccio della Musicoterapia alla cura e al benessere, invece, parte da una concezione olistica dell’essere umano, essa viene impiegata in diverse problematiche come prevenzione, riabilitazione e sostegno al fine di ottenere una maggiore integrazione sul piano intrapersonale ed interpersonale, un migliore equilibrio ed armonia psico-fisica.

La musicoterapia viene impiegata in diverse campi, che spaziano da quello della salute, come prevenzione, riabilitazione e sostegno, a quello del benessere al fine di ottenere un migliore equilibrio e armonia psico-fisica. Essa, infatti, può intervenire positivamente nella salutogenesi aumentando le possibilità espressive e comunicative, migliorando la consapevolezza globale di sé e lo sviluppo delle resilienze psichiche, emotive ed umane.

Presso la sede di Kirone vengono svolti periodicamente dei laboratori di gruppo di Musicoterapia attiva, con riferimento al Modello Benenzon ed ai modelli psico-dinamici, e dei laboratori integrati dove vengono utilizzati il suono e la musica.

I laboratori non verbali favoriscono la dimensione del sentire creano uno spazio nel quale il corpo che vive, percepisce comunica e riscopre la propria dimensione empatica. Allo stesso tempo favoriscono la riscoperta dei propri codici arcaici e comunicativi.

Periodicamente vengono organizzati laboratori ludici/espressivi nei quali vengono utilizzati il suono ed il movimento al fine di favorire uno spazio di condivisione e libera espressione.

Le attività di musicoterapia ed i laboratori sonori sono condotti dal dott. Daniele Siciliano – musicoterapeuta che su richiesta può attivare dei percorsi individuali.

c456b756bfa7b7e19c72a394f6f31d97